p a r a i s o  d o  p e c a d o       .     l i b r i      .    b l o g      .     a r t i c o l i      .      f o t o       .     a b o u t      .      e v e n t i     .     c o n t a t t i 

 

Barkus Ventura - Paraiso do Pecado

h o m e

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

aRTICOLI dI bARKUS

settembre 2010:

WILLIAM L'ACCATTAROBE

I CONFINI DEL REGNO

FILM DI STRADA

LA MIA NAMORADA E' UNA SAPATAO

DONNE  A CACCIA DEL NERO

STUPRO INDIO

LEGGE DELLA BANANA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Rio 2010

      

Sguardi senza timore che sputano addosso ad ogni angolo di strada, cores da rua, i colori della strada che sanno anche di sudore, di piscio misto a birra calda, che non si può bere e allora te la gettano dal bicchiere fra le gambe...

 

  .  Rio de janeiro  .  22 jan 2010

    Si iniettano ½ cc di  ormoni nel culo per ottenere rotondità sulle gambe, nascondere le rotule mascoline dei ginocchi. Solo che dopo un po’ cresce anche il petto, preceduto da percettibili dolori dietro i capezzoli. Chi continua ha la strada marcata, chi vuol smettere si ferma lì.  E se poi il pinto non cresce? Niente paura, si prende un Cialis al momento del bisogno e il gioco è fatto, perché i clienti dei trans vogliono trasgredire con una donna che li scopi. Non è che poi il pinto molle diventa definitivo? Per nulla, basta gozare e gli ormoni se ne vanno. Ecco perché le Trans che vogliono essere donna non gozano mai e diventano pazze... 

 

 ooOmOoo

.  Rio de janeiro  .  18 jan 2010

    In città la legge della pulizia impera con frotte di spazzini a seguito delle giornate da formicaio nelle spiagge fronte oceano, o delle sfilate dei cortei di carnevale che bloccano le strade con tamburi e lattine. Un po' meno attenzione alle acque di casa, provenienti dalle riserve posta in cima agli edifici. "Basta bollirle e muoiono tutti i microbi!" è la risposta alle mie obiezioni di sicurezza. Certo l'igiene viene affrontata, un po' meno la consapevolezza civica schiava dei potentati planetari. Le casse d'acqua sono in larga parte ancora fatte di amianto, materiale che inorgoglisce i brasiliani poiché è proposto ancora come materiale del primeiro mundo. La Francia ha continuato a fornirne in grande quantità fino a due anni fa, in barba alle restrizioni europee. Vendere agli indigeni sudamericani è molto meno costoso che lo smaltimento... Qualcuno di qui ancora gioca con i rischi minori, e consapevole della propria emancipazione pretende al bar sempre il copo descartavel sapendo quanto era dubbia l'igiene dei bicchieri di vetro.

 ooOmOoo

.  Rio de janeiro  .  12 jan 2010

Espirita beato, forse idiota. Un santino che ti dice cosa sei e come sono i tuoi figli, magro come vorresti, ah si, ho il cancro, vuoi? Ce ne parliamo col Dout.Jouberto del cartorio di Copacabana, mentre si fa offrire il pranzo per un aiutino sui documenti che non arrivano mai, confrontando le curiose amenità locali con storie di mafia italiana, non serve a un cazzo stupire, qui non colgono la tristezza nelle tue parole, non sanno perché scappi e non gliene puòffregàddemeno. Un tocco di giustizia sul fronte delle elemosine da non dare per non incentivare una facile abitudine a mendicare per strada. Molti di piu a Catete sti anno. Ma se ne approfittano e i meninos sfuggono i pullman di raccolta dei centri di assistenza.

49 gradi. Gente che corre in strada e sul calzadao, NESSUNO CHE LIGA CON METEORAS E FINE POSSIBILE, e io che mi sento scorrere libero. 49 graus di notte a Catete. Tio, hai una mometina? Nemmeno dieci centavos? Almeno un poco di acqua...

Non c'e' come essere piu' felici della sera seduti a Copacabana. Ognuno che fa cio' che gli piace, semplicemente usando tempo e spiaggia e desiderio di salutare compiacimento.

Noi ci teniamo le nostre cose dentro con discrezione e pudore, loro continuano a voce alta con tutti i discorsi interrotti in strada, anche col bigliettaio del bus. Dio ce ne liberi lei non vuol prendere questo bus...

 ooOmOoo

         La camminata degli italiani richiama la fretta, i negri americani sembrano ballare. I brasiliani invitano a scopare.  Anche attraverso le parolacce si riconosce una società. Da noi si inveisce frustrati contro la deità soverchiante, in Brasile si usano solo attributi sessuali. Un popolo adolescente in bilico fra liberalità e invidia, tutto disperso nella pretesa di un riconoscimento.  Si capisce che non si curano della vita che passa, lo sguardo dedito alle sensazioni che scorrono.  Un sesso praticato in maniera promiscua e liberale, con mogli, amiche e amici degli amici, oltreché facilmente con persone appena conosciute.  Per un carioca é un piacere frequente, come bere una birra in compagnia o giocare a palla sulla spiaggia. Non é ancora vittima della vergogna tipica della morale europea. Il sesso  è un’esperienza culinaria e ha più a che fare con la gola che con i sensi. Far l’amore è come cibarsi dell’indispensabile e nell’abbondanza locale il languorino è a tutte le ore. L’economia si adegua, erigendo Motel a ore usati anche da coppie normali come  momento per festeggiare un anniversario. Giochini, specchi e cavallucci che si dimenano fra dolcetti e spumanti. Si prenotano stanze per festeggiare un anniversario di matrimonio, con la stessa tranquillità che da noi si compra una torta gelato. Una eco tropicale della creatività boccaccesca, diffusa in inevitabili varianti di classe.  Sembra che la polizia abbia catturato una banda specializzata in assalti alle farmacie che si faceva chiamare “la banda del Viagra”. Il rimedio contro l’impotenza è ricercato dai banditi a causa del suo prezzo elevato e della sua alta richiesta. I trafficanti smerciano migliaia di pastiglie blu e finiscono per farne uso solo per la soddisfazione legata al possesso, anche se preferiscono la versione Cialis, che permette di prolungare il trastullo fino a 36 ore.

 

 

°°°o0§0o°°°

 

ARCHIVIO

dicembre 2010  novembre2010  ottobre2010   luglio2010  maggio2010   aprile 2010 

 marzo2010   febbraio 2010   gennaio 2010   dicembre 2009   novembre 2009

 

 

Prima pagina

   

Entra nel Blog

 

ARCHIVIO

dicembre 2010

novembre2010

ottobre2010

 luglio2010

. maggio2010

. aprile 2010

- marzo2010

- febbraio 2010

- gennaio 2010

- dicembre 2009

- novembre 2009

 

 



e-mail a : barkus  su ymail.com

© 2002 - 2010. Todos os direitos reservados. Este material não pode ser publicado, utilizado de qualquer forma, reescrito ou redistribuído sem prévia autorização.

Copyright © 2002 - 2010. Tutti i diritti riservati. Questo materiale non può essere pubblicato, riscritto, utilizzato in qualsivoglia forma o redistribuito senza previa autorizzazione